vecchio blog del vino

Qui si parla di vino e di vecchie bottiglie per veri appassionati

COME DEGUSTARE UNA VECCHIA ANNATA?

La mia passione per il vino è iniziata quando ero bambino, accompagnando mio nonno nelle vigne. Nel corso degli anni, mi sono allontanato dalla passeggiata familiare nei vigneti per visitare le cantine e fare nuove scoperte. Un giorno, ho avuto la possibilità di assaggiare una vecchia annata, un vino dolce dell’inizio del secolo. È stata una vera scoperta per me in termini di aroma e di gusto.

Da allora, ho cercato di fare nuove scoperte su diversi vini antichi di diverse regioni e di sviluppare la mia tecnica. In questo articolo, cercherò di aiutarvi a degustare una vecchia annata nelle migliori condizioni possibili quando siete principianti.

Domande da porsi di fronte a una vecchia annata:

  • Come scegliere una bottiglia?
  • A che temperatura servirlo?
  • Deve essere aperto prima?
  • Che odore si può trovare?
  • Che gusto può avere una vecchia annata?

COME SCEGLIERE UNA BOTTIGLIA DI VINO D'ANNATA?

Nella cantina di tuo nonno, trovi una bottiglia che è lì da diversi decenni ma quando vedi la sua annata non sai se è ancora bevibile.

PRIMA STUDIARE LA BOTTIGLIA

Prima di tutto, fate attenzione al suo aspetto guardando lo stato generale della bottiglia e soprattutto a ciò che contiene, il vino! Se notate che il livello nella bottiglia è sceso un po’, non preoccupatevi, questo è normale fino a un certo punto. Infatti, nel corso degli anni si verifica una lenta evaporazione perché il sughero diventa più poroso.

Se notate che il vino è sotto la spalla della bottiglia e non è troppo vecchio, questo può essere un indicatore di cattiva conservazione (cantina troppo calda, mancanza di umidità, ….) o un problema di sughero. In quest’ultimo caso, se decidete di aprirlo comunque, l’esperienza potrebbe non essere all’altezza delle vostre aspettative…

Ho già avuto diverse esperienze di avere una bottiglia con un livello basso, che si chiama livello “drenante”, che è un termine abbastanza eloquente… Per aver rischiato di assaggiarla ho avuto molto raramente buone sorprese.

GUARDA IL COLORE DEL VINO

Nei vini vecchi, il colore del vino è un po’ diverso dai vini rossi e bianchi giovani e questo è ciò che vi permetterà di distinguerli nel bicchiere.

Sui vini rossi, il colore del vino è leggermente sbiadito al marrone o all’ambra, sui vini bianchi il colore è più arancione con riflessi dorati nel corso degli anni. Il vino è una struttura viva, ha una giovinezza, un picco, un declino e purtroppo una morte.

Se il vino è torbido e non più frizzante quando si tiene la bottiglia alla luce, è potenzialmente un vino in declino.

QUALE TEMPERATURA DI SERVIZIO PER UNA VECCHIA ANNATA?

A seconda del tipo di vino, la temperatura di servizio deve essere diversa per percepire tutti gli aromi e avere le migliori condizioni di degustazione.

Due cose da sapere:

  • Se il vostro vino è troppo freddo, non percepirete tutte le note presenti, viceversa se lo servite troppo caldo, rischiate di sentire solo l’odore dell’alcol.
  • I vini più vecchi dovrebbero essere serviti un po’ più caldi dei vini più giovani.
    Un vino bianco secco dovrebbe essere servito intorno agli 11-12°C, mentre un’annata vecchia dovrebbe essere servita intorno ai 14-15°C.

DOBBIAMO APRIRE PRIMA LA BOTTIGLIA?

Potete aprire il vostro vino prima di servirlo ed è persino raccomandato. Spesso apro le bottiglie in anticipo per annusare il vino e assaggiarlo per sapere se è già al livello desiderato, cioè se mi piace quando lo apro. Se questo non è il caso, lascio la bottiglia aperta e aspetto almeno due ore.

Se avete prestato attenzione alla temperatura, ma quando servite il primo bicchiere, notate che ci sono molte particelle che cadono nel bicchiere, non preoccupatevi.

Ci sono due possibili soluzioni a questo problema:

  • Lascia la tua bottiglia in posizione verticale la sera prima in modo che tutte le particelle cadano sul fondo della bottiglia.
  • Decantare il vostro vino. Vale a dire, mettete il vostro vino in un decanter abbastanza stretto per filtrare il vostro vino. La decantazione non deve essere confusa con la “decantazione”, che ha lo scopo di ossigenare il vino mettendolo in un decanter abbastanza largo. Il vino non deve essere decantato. Se avete solo un decanter per decantare (un decanter con una base abbastanza svasata – quelli classici), non fatelo. Infatti, immaginatevi al posto del vino, addormentati da anni e svegliati da un’enorme ciotola di ossigeno!

Come posso essere contattato?

0349 7168169

Lucio

admin@weinkost.it